Mi dispiace per le persone che muoiono.

Mi dispiace per gli animali che muoiono.

Mi dispiace per le piante che muoiono.

Si certo, non sono indifferente alle sofferenze degli esseri viventi.

Da quando sono più consapevole, la mia sensibilità è cresciuta.

Sono stato cacciatore, ma ho amato gli uccelli.

Sono stato pescatore, ma ho amato i pesci.

Sono stato coltivatore, ma ho amato le mie piante.

Sì perché anche le piante nascono, crescono, e muoiono.

Mi sono da poco avvicinato alla coltivazione.

Ho seminato con la passione

Ho aspettato con la speranza

Ho assistito alla nascita con l’amore

Non riesco ad essere indifferente alla vita di queste piccole piantine.

Ogni mattina hanno qualcosa di diverso da mostrare.

Se non sei indifferente e guardi bene le piantine, ti accorgi che ogni giorno fanno uno sforzo, ogni giorno cercano di sopravvivere alle intemperie.

Io amo le mie piantine, ed ogni volta che staccherò una fogliolina di basilico, un piccolo dolore dentro di me farà capolino, ma sparirà altrettanto velocemente. 

Perché so che questa è la vita.

Qualcuno muore a beneficio di qualcun’altro.

È un ciclo da cui non si può uscire.

Benny

Annunci

Commenti Facebook

Posted by Benny Fera

Psicologo dislessico e autore del libro bestseller "il bambino dimenticato". Si occupa di sensibilizzazione e formazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

3 Comments

  1. Bella, mi hai commossa e da divoratrice di piante… Ora mi sento anche un pochino in colpa … 😅
    Un abbraccio
    Ps comunque: parole stupende 😍 complimenti 😘

    Rispondi

    1. Ciao Sara 🙂 non sentirti in colpa, fa parte della vita, è tutto normale.
      Grazie comunque
      Come vanno le tue letture? 🙂

      Rispondi

      1. In rapida ripresa ☺️ grazie mille 😘😘😘

Rispondi