Mi hanno rubato l’identità.

A scuola ho imparato che è sbagliato sbagliare.

A scuola ho imparato che era meglio stare in silenzio.

A scuola ho imparato che la scuola comanda!

A scuola ho imparato che se non sei come la scuola ti vuole, non sei nessuno.

La mia identità è stata fatta a pezzi ancora prima di formarsi.

Non potevo pensare con la mia testa, perché la mia testa pensava “sbagliato”.

Ho avuto sempre difficoltà a prendere decisioni.

Hanno sempre deciso gli altri per me:

  • Che studi dovessi intraprendere
  • Che partito politico dovessi votare
  • Quale religione dovessi seguire
  • A che gruppo dovessi appartenere
  • il modo di studiare
  • il modo di pensare

A volte la mia identità è stata anche presa e usata a mia insaputa.

Non riuscivo a capire nemmeno cosa fosse l’identità e il pensiero mio.

Ero fragile.

Sono uscito dagli studi nel 2012.

Ci ho messo 2 anni per disintossicarmi, tra terapie psicologiche e meditazione.

Adesso la mia identità esiste e vuole parlare a gran voce.

Combatterò fino alla fine per difendere l’identità dei bambini!

Hai letto tutta la mia storia? clicca qui >>> IL BAMBINO DIMENTICATO

a presto

Benny Fera 😉

 

Annunci

Commenti Facebook

Posted by Benny Fera

Psicologo dislessico e autore del libro bestseller "il bambino dimenticato". Si occupa di sensibilizzazione e formazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

2 Comments

  1. ☺️ io mi sto ancora disintossicando … Ogni giorno un passettino … E quando credo di aver finito… Ecco che qualcosa mi riporta al punto di partenza… (e senza passare dal via… Non ritiro nemmeno le 20.000 lire 😜)
    Un abbraccio 😘

    Rispondi

    1. Ah ahahahha grande Sara 😀
      Un abbraccio 🙂

      Rispondi

Rispondi