Video dislessia

Certi libri per i dislessici sono proprio illeggibili

I li definisco libri invisibili

Vediamo 2 esempi nel video

La dislessia preferisce le immagini.

Ed alcuni libri ne sono privi.

Benny

Annunci

Commenti Facebook

Posted by Benny Fera

Psicologo dislessico e autore del libro bestseller "il bambino dimenticato". Si occupa di sensibilizzazione e formazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

4 Comments

  1. Ciao Benny, ti sei dimenticato di citare i libri che hai letto.Il secondo l’ho riconosciuto e ti assicuro che malgrado le difficoltá che ho avuto nel portarlo a termine ” La versione di Barney” é un romanzo davvero strepitoso.Il primo sembra molto interessante,sarei curioso di sapere di che si tratta…
    ottimo lavoro come al solito
    Un saluto

    Rispondi

    1. Beh amico mio! Ti faccio i miei complimenti sinceri 😀 io malgrado tutto gli sforzi, proprio non ci sono riuscito a leggere quel libro 😉
      L’altro libro è “Bianco come il latte, rosso come il sangue” che per me è stato facilissimo.
      Magari se lo leggi poi fammi sapere com’è andata 😉
      Ciao Massimiliano e grazie 🙂

      Rispondi

      1. Massimiliano 19 Luglio 2016 at 9:47

        Grazie a te,
        In alcuni casi penso possa dipendere dalla traduzione. “bianco come il latte ” é un libro in italiano scritto da un autore italiano,non ha dovuto subire la reinterpretazione di nessun traduttore per poter essere letto in una lingua che puó risultare difficile e astrusa,come invece accade in Barney,ma che la maggior parte dei traduttori adotta per rendere al meglio il significato di quello che l’autore vuole raccontarci.Per cui quello che leggiamo é l’opera di due diverse persone,con due differenti modi di ragionare,e che per rendere il significato il piú vicino possibile all’originale ha bisogno di un linguaggio che non sempre si adatta alla lingua stessa in cui lo leggiamo.Ovviamente ci sono anche libri italiani piú o meno difficili,dipende anche dagli argomenti e dai temi trattati.In genere credo che la narrativa sia certamente piú “digeribile” rispetto a saggi o libri di testo, in quanto ha la capcitá di rendere le parole e le situazioni piú facilmente traducibili in immagine,anche qui dipende molto dallo stile e dall’abilitá dell’autore.
        Non a caso molti romanzi diventano successivamente soggetti per il cinema.
        Alla prossima

      2. Ottima deduzione, grazie Massi

Rispondi