Sei troppo sognatore…

Mi sentivo ripetere spesso dalle persone che mi sono e mi erano a fianco.

La loro paura di fallimento ha condizionato anche la mia natura da sognatore.

Per me non è mai stato facile adeguarmi, perché la mia mente mi proponeva sempre nuovi stimoli, nuovi sogni, nuove idee.

Spesso ho trascurato me stesso per amore della persona che mi era a fianco che mi diceva:

“Va bene hai i tuoi sogni, ma intanto fai anche qualcosa di concreto, trovati un lavoro normale”

Non ho mai creduto in questa frase. Penso che i sogni non hanno nulla a che vedere con un “lavoro normale”

I sogni sono personali e nessuno li realizzerà per te. Bisogna dedicarci tutto il tempo possibile per poterli realizzare, un lavoro normale sarebbe solo un peso nella realizzazione delle proprie idee.

Oggi dico che la vita mi ha portato a liberarmi di molte zavorre emotive, mi ha portato ad isolarmi per poter leggere meglio dentro di me e mi ha lasciato libero di creare.

CREARE …. esattamente ciò per cui sono nato.

Benny Fera

Psicologo e autore del libro autobiografico il bambino dimenticato 

Annunci

Commenti Facebook

Posted by Benny Fera

Psicologo dislessico e autore del libro bestseller "il bambino dimenticato". Si occupa di sensibilizzazione e formazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

Rispondi