La mosca e la finestra

La mosca e la finestra…
La finestra è aperta a metà.

Oggi ho visto una mosca sbattere sulla metà chiusa della finestra.

La Mosca aveva il 50% delle possibilità di essere libera.
Noi a differenza delle mosche possiamo scegliere se vivere una vita fatta di #apparenza e #finzione o vivere una vita #libera e #consapevole.

La DisCucinìa

Avete mai sentito parlare di Disturbo Specifico della Cottura ?
Vi voglio raccontare di un incontro con una ragazza Discucinica
guarda il video

Meglio l’ironia che la Dislessia 🙂

Ovviamente la Discucinia non esiste, questo è un racconto frutto della mia fantasia.

L’ho fatto perché si capisse che anche se uno è dislessico e quindi non sa leggere bene, vivrà bene lo stesso, non è necessario sottoporlo a diagnosi e cure, in quanto non stiamo parlando di una malattia.

Diagnosi, trattamento, metodi compensativi e dispensativi fanno comodo ad una scuola pubblica limitata ad un apprendimento di tipo esclusivamente nozionistico.

Insomma se veramente la discucinia esistesse come disturbo specifico della cottura, non ci sarebbe bisogno di una diagnosi in un mondo dove ognuno è libero di scegliere come nutrirsi.

Passo e chiudo

Benny 😉

[maxbutton id=”3″]

[maxbutton id=”2″]

[maxbutton id=”1″]

L’uomo libero

Per l’uomo libero non c’è posto nella società.

Ho adorato la libertà da quando ero bambino.

Non volevo andare all’asilo

Non volevo andare a scuola

Non volevo andare in chiesa

Ho pensato di essere strano, diverso.

Mi dicevano:

Devi andare a scuola altrimenti diventi asino

Devi andare in chiesa altrimenti sarai un peccatore

Ubbidivo agli adulti, non senza protestare.

Dentro di me soffrivo ogni volta che ero costretto a rinchiudermi in qualche luogo comune.

Dentro di me qualcosa si ribellava.

Al tempo non sapevo cosa fosse.

Pensavo fossi una persana cattiva, con intenzioni controverse.

Adesso ho capito che la mia è sempre stata voglia di libertà.

La voglia di non far parte di un’etichetta.

La voglia di giocare all’aria aperta.

La voglia di non stare chiuso a fare sempre le stesse cose.

La voglia di non identificarmi in un gruppo, in una setta.

Non ho mai avuto paura della libertà.

Ho avuto paura del giudizio degli altri.

Per molti essere libero è difficile.

Molti hanno la necessità di appartenenza, per sentirsi protetti, per non avere paura.

Come si può aver paura della libertà!

Come si può aver paura della vita!

Per un momento, lascia andare tutto e tutti, e sentiti libero 🙂

Benny Fera psicologo dislessico e autore

I miei libri:

Il bambino dimenticato (autobiografico)

Benny fuori classe

Come vivere da dislessico

Dislessia: quale scuola?

Armi a doppio taglio

Oggi in treno ho assistito ad un interessante fenomeno.

Se non sei uguale agli altri, vieni schernito e deriso.

Se sei una persona appassionata della conoscenza ti ritrovi spesso solo, con il tuo sapere.

Mentre sono in treno, osservo un signore dall’aspetto da secchione, che si affanna a spiegare il suo punto di vista a chi gli sta intorno.

Diceva cose molto interessanti, sui problemi dei giovani e della tecnologia, di luoghi comuni e infine di oftalmologia.

Mentre parlava notavo un atteggiamento abbastanza critico, per cui la gente che gli stava intorno storceva un po’ il muso.

La verità fa male.

Quando è andato via il suddetto signore, si è messo in scena un teatrino di persone uguali che schernivano alle spalle.

Ma nessuno è riuscito ad esprimere il proprio punto di vista in presenza del signore.

Avevano paura.

Così il secchione è andato via senza sapere del dissenzo della gente che gli stava intorno.

Mentre, la gente che gli stava intorno ha perso una buona occasione per imparare qualcosa da qualcuno che ne sa.

Senza scambio non c’è crescita.

La conoscenza, come l’ignoranza, sono un’arma a doppio taglio.

La prima ti rende solo, ma libero.

La seconda ti rende uguale, ma schiavo.

Benny

Autorità e libertà

L’autorità è una forma di controllo repressivo.

A ‪#‎scuola‬ ci hanno insegnato il ‪#‎rispetto‬ per la figura ‪#‎autoritaria‬.

La figura autoritaria si costruisce intorno ad un modello di controllo repressivo.

Il modello dell’autorità, si tramanda dai ‪#‎bambini‬ agli ‪#‎adulti‬

È una circolo che si ripete all’infinito.

Ogni volta in cui abbassiamo la testa all’autorità, diciamo NO alla nostra ‪#‎libertà‬..

 

Mi spiace ma non fa per te

A scuola si va per imparare.

Si impara attraverso la lettura, la scrittura, e il calcolo.

Se invece a te piace…

  • ballare

  • cantare

  • giocare

  • chiacchierare

  • allevare

  • cacciare

  • pescare

  • fare sport

  • cucinare

  • ricamare

  • usare attrezzi

  • smontare e rimontare

  • costruire

  • osservare la natura

  • suonare uno strumento

  • viaggiare

  • dipingere

  • fotografare

  • giocare alla play

  • esprimere le tue opinioni

  • guardare le stelle

  • esplorare

  • ….. aiutatemi voi a completare la lista 🙂

….. Allora mi spiace ma la scuola non fa per te 😦