Perché gli insegnanti non riconoscono i dislessici

Molti alunni non vengono riconosciuti come DSA, esaminiamo il caso dal punto di vista degli insegnanti, dei genitori e dei dislessici stessi.

È successo anche a te come genitore di sentirti frustrato per non aver scoperto prima la dislessia di tuo figlio.

Come genitore ti sei sentito inefficiente ed hai subito riversato la colpa sulla scuola e sugli insegnanti. Continua a leggere “Perché gli insegnanti non riconoscono i dislessici”

Annunci

5 modi per riconoscere un bambino dislessico

Leggi le 5 caratteristiche specifico di un bambino che potrebbe sviluppare una dislessia

Se ti affacci per la prima volta a questo blog voglio che tu sappia che io non sono a favore di etichette come DSA, dislessico, discalculico.

Guardo alla dislessia come una caratteristica.

La caratteristica di un cervello che funziona ai immagini con poco interesse verso le lettere e i numeri. Esiste un intero video corso a riguardo. Continua a leggere “5 modi per riconoscere un bambino dislessico”

Il fenomeno degli alunni che picchiano i professori

Perché questi fenomeni di violenza a scuola? la punizione è la soluzione giusta?

Voglio anticipare che non mi piace scrivere questo articolo.

La violenza, sotto ogni forma, mi fa stare male. Continua a leggere “Il fenomeno degli alunni che picchiano i professori”

Ti ho lasciato un bacio in stazione

Il nuovo libro di Benny Fera sull’amore tratto da una storia vera

Quel giorno le parole mi sono letteralmente cadute dal cielo

Quelle parole si ripetevano nella mia testa con un ritmo incessante

Ero in stazione Continua a leggere “Ti ho lasciato un bacio in stazione”

Riletto: Il bambino dimenticato

GRAZIE SARA per aver avuto la pazienza e il tempo di rileggere il libro due volte. E grazie ancora per la stupenda recensione che mi ha commosso profondamente … ricordo ancora la piacevole lettura di “una ragazza come me”, certi scenari sono rimasti impressi nella mia immaginazione. Un grande abbraccio, ti voglio bene 🙂

LeggimiScrivimi il Blog di Tricoli Sara

Ho letto ancora una volta “Il bambino dimenticato” di Benedetto Fera (Benny)

Tempo fa ho dichiarato che difficilmente rileggo un libro. Primo perché di solito ricordo molto bene quello che leggo e secondo perché preferisco leggere sempre cose nuove…

Però il libro di Benny è un “caso particolare”. Per me è molto di più di un semplice libro, è mille cose insieme: rivivere emozioni assopite, trovare similitudini e disuguaglianze, sorridere e soffocare le lacrime, sognare, sperare, gioire… e molto altro ancora…

Leggendolo ho fatto i conti con tante “cose”, mi sono ritrovata in alcune e mi sono sentita fortunata per non averne vissute (nonostante tutto) altre!

Questo libro mi tocca nel profondo e scuote una parte importante del mio essere, ecco perché ho dovuto leggerlo più volte prima di poterne parlare.

Potrei commentare pagina per pagina, per ognuna avrei qualcosa da dire… Leggendolo mi sono annotata frasi che…

View original post 419 altre parole

Sono laureato e sbaglio ancora le doppie

Si pensa ingenuamente che chi non è andato a scuola sia necessariamente un somaro, ma come la mettiamo con un laureato che ha ancora difficoltà nella grammatica?

se non vai a scuola cosa farai da grande?

“Se non vai a scuola resterai un asino!”

Sento ancora queste frasi che mi ronzano nella testa. Frasi che mi dicevano quando ero piccolo ed a scuola non ci volevo andare. Continua a leggere “Sono laureato e sbaglio ancora le doppie”