DSA fuori dagli schemi

Il tema dei Disturbi Specifici di Apprendimento ha sollevato numerose questioni sia a livello scolastico che a livello sociale, non di meno a livello familiare.

Non so se avete mai sentito mai parlare delle caratteristiche cognitive dei dislessici, con il loro modo di essere creativi e fuori dagli schemi.

Si parla piuttosto di scuola, e di come far rientrare questi studenti in un modello predefinito.

In realtà non ci sarebbe nulla da modificare in quanto il cervello del dislessico e DSA tutti compresi, è per natura creativo e fuori dagli schemi.

Io l’ho sempre definito un cervello “generativo”, fatto non per memorizzare, ma per aggiungere sempre qualcosa in quello che vede, in quello che sente e in quello che fa.

Non è un cervello che comprende le regole perché per istinto le vive come qualcosa che va contro la sua natura.

Per questo motivo spesso ci troviamo di fronte a studenti ribelli, figli fuori dagli schemi, con i conseguenti problemi per i genitori.

Come far capire al proprio figli che a scuola ci deve andare e che ci sono delle regole da rispettare?

Non è affatto facile, perché se proviamo un attimo a metterci dalla parte dei ragazzi e soltanto per un attimo a sentire la stessa fatica e fastidio che si prova a stare in classe o seduto a fare i compiti, si capirebbe subito il motivo di tanta ritrosia.

Si crea spesso una lotta tra genitore e figlio, tra insegnante e studente, quando il ragazzo si sente in difficoltà non può fare altro che andare sulla difensiva o deprimersi.

I dislessici più che mai vanno seguiti, vanno aiutati, è importante che restino in contatto con la parte migliore di loro, che spesso resta assopita.

è importante che abbiano intorno un contesto sano e fortificante.

è importante che venga accolto e compreso.

Spesso la ribellione che ogni dislessico affronta da studente si porta avanti per tutta la vita, e questo non è un male o fonte di vergogna, anzi, va saputo accogliere e accettato come un modo di pensare diverso che rende la società variegata e in grado di mutare in base alle esigenze di tutti.

Infondo è dalle idee di chi la pensa diversamente che nasce il cambiamento.

Non è facile da gestire un figlio ribelle, spesso il genitore non sa come comportarsi, si sente inutile ed entra in uno stato di ansia e preoccupazione.

Ricordo esattamente la vita scolastica e le continue lotte con insegnanti e genitori, per loro è stato davvero difficile avere a che fare con me, ed io mi ci opponevo con tutte le forze, perché non mi sentivo veramente compreso ed accettato.

Spesso non è sufficiente mettercela tutta, il genitore ha anche bisogno di un punto di vista esterno per avere una migliore visuale della situazione e sapere come affrontarla la prossima volta.

Non è facile cambiare le abitudini e i comportamenti, per questo motivo serve un pò di impegno e costanza.

Se come genitore ti sei ritrovata/o in queste circostanze, non esitare a scrivermi e proveremo ad affrontare insieme questa difficoltà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...