É di qualche giorno fa LA NOTIZIA sulla scelta delle scuole tedesche di utilizzare dei giubbotti pesanti per rallentare i bambini iperattivi.

Molti di voi penseranno “beh non siamo in Italia

Ma se dovessero usare queste “precauzioni” in Italia?

voi cosa potreste fare?

nulla! come la storia dei vaccini obbligatori

Per quanto mi riguarda sono stato uno di quei bambini “iperattivi”

Che io definirei meglio “che si muovono troppo” o meglio ancora “a cui piace muoversi molto”

Non siamo tutti uguali (per fortuna)

ognuno di noi ha delle abilità personali

Quello che ci vuole far credere la scuola è che bisogna rispettare uno standard di normalità

Non esiste uno standard di normalità, altrimenti non esisterebbe la scienza, con la genetica che ci insegna che esistono miliardi di combinazioni possibili di geni.

Ebbene alcuni di noi sono più portati per la memorizzazione

alcuni di noi sono più portati per la creatività

Alcuni di noi sono portati per il movimento

Possiamo benissimo distinguere in classe un bambino con maggiori capacità letterali da un bambino con spiccate capacità motorie

Il bambino con maggiori capacità di memorizzazione sarà tranquillo seduto al banco  proverà piacere nella lettura, nel calcolo, nella memorizzazione di nozioni.

Al contrario un bambino con maggiori capacità motorie, istintivamente proverà a muoversi per sviluppare le sue capacità innate.

Ormai la scuola ha imparato ad etichettare tutto per lavarsi le mani dalla diversità e creare un gregge di pecore tutte uguali.

Benny Fera

Psicologo dislessico e autore

Video corso DSA

il bambino dimenticato

come vivere da dislessico

Benny fuori classe

Dislessia: quale scuola?

Annunci

Commenti Facebook

Posted by Benny Fera

Psicologo dislessico e autore del libro bestseller "il bambino dimenticato". Si occupa di sensibilizzazione e formazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

Rispondi