Le differenze tra Empatia cognitiva ed Empatia affettiva

Ho sempre pensato di essere empatico, sinceramente anche troppo, tanto da dover stare lontano da determinate situazioni per evitare il sovraccarico emotivo. Ma ho sempre pensato di non aver capito davvero a fondo il concetto di empatia fino a quando l’ho trovato ben descritto nel libro che sto leggendo Guida completa alla sindrome di Asperger.

Un libro dedicato a chi vuole approfondire in maniera più tecnica quelle che sono le difficoltà degli Asperger (o Autismo di livello 1) ed anche capire le differenze tra i cosiddetti “normali” e neurodiversi (compresi i DSA).

È spiegato molto bene il concetto di Empatia, ed adesso capisco dove può avere difficoltà un soggetto neurodiverso (DSA, Asperger, ADHD).

Riporto direttamente dal libro:

1.​ Empatia cognitiva: rappresenta la capacità di prendere in considerazione la prospettiva altrui e comprenderne intenzioni, pensieri, emozioni e comportamenti.

2.​ Empatia affettiva: rappresenta la tendenza a “sentire” le emozioni e gli stati d’animo degli altri e si divide a sua volta in:

a. ​Consapevolezza empatica: valuta sentimenti di compassione “orientati agli altri” e preoccupazione per gli sfortunati.

b. ​Sofferenza personale: misura sentimenti “orientati verso sé stessi” di ansia personale e disagio in contesti interpersonali emotivamente carichi.

Attwood, Tony. Guida completa alla Sindrome di Asperger (Italian Edition) (p.252). Edra. Edizione del Kindle.

A quanto pare, le persone Asperger, hanno una empatia affettiva intatta, ma molte difficoltà nell’empatia cognitiva.

Le difficoltà nell’empatia cognitiva, nella distinzione tra sé e l’altro e alti livelli di ansia spesso portano ad avere alti livelli di sofferenza personale che possono provocare un allontanamento da situazioni emotivamente cariche.

Quindi, spesso, se una persona nello spettro autistico evita situazioni emotive non è perché sia disinteressata, ma perché ne è troppo coinvolta.

Questo è un concetto chiave per comprendere alcuni dei comportamenti antisociali degli Asperger (e in una buona percentuale anche dei DSA) che percepiscono le emozioni degli altri, ma letteralmente non sanno che farsene perché non hanno una empatia cognitiva adeguatamente sviluppata.

Ci sono diversi modi pratici per aiutare i bambini a sviluppare una maggiore comprensione delle intenzioni e sentimenti degli altri, ad esempi con fumetti strutturati dove nello scambio sociale si comprende il pensiero dell’altro.

Esiste anche un libro delle storie sociali che aiuta a sviluppare l’empatia cognitiva anche detta Teoria della mente, il libro si intitola Il nuovo libro delle storie sociali.

Condividi l’articolo se ti è stato utile e contattami se hai bisogno di approfondire con una consulenza personalizzata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...