Resto sgomento davanti alla mole di manipolazioni che vengono svolte sui bambini DSA.

Questi poveri ragazzi non hanno pace, e sembra che bisogna fare di tutto per renderli dei normolettori.

Non posso fare a meno di prendere nota di quello che stiamo oggi facendo a questi bambini.

Sembra una corsa ansiosa e compulsiva verso una “soluzione”.

Ma di quele soluzione parliamo?

La dislessia è solo una caratteristica, non è qualcosa da modificare.

Lo sappiamo tutti ormai, eppure continuiamo a voler cambiare i bambini e non i metodi scolastici obsoleti.

Di seguito vi riporto una lista di trattamenti che i DSA potrebbero subire:

  • Elettrostimolazione
    Attraverso la stimolazione cerebrale non invasiva è possibile migliorare le capacità di lettura dei bambini in tempi molto ridotti. La tecnica è stata sperimentata dai ricercatori di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù in collaborazione con il Laboratorio di Stimolazione Cerebrale della Fondazione Santa Lucia. E’ la prima volta che si tenta questa strada per i pazienti affetti da questo disturbo. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Restorative, Neurology and Neuroscience.
  • Stimolazione acustica
    Uno strumento complementare ad una cura terapeutica o pedagogica. Esso consente di moltiplicare i risultati ottenuti, e quindi di ridurre significativamente la durata di un accompagnamento medico tradizionale. Lo possiamo utilizzare a qualsiasi età della vita (infanzia, età adulta, maturità) sia per lo sviluppo personale sia per contrastare disturbi di apprendimento.
  • Stimolazione visiva
    L’Optometria trova applicazione, da diversi decenni, nel trattamento dei disturbi dell’apprendimento, occupandosi dei disordini visivi connessi e, in accordo con le figure professionali che tradizionalmente si interessano di apprendimento, l’optometrista fornisce un valido contributo valutativo e rieducativo.
  • Trattamenti riabilitativi
    Attività di potenziamento specifiche nelle abilità di scrittura, lettura, scrittura e calcolo.

Mi chiedo perché cambiare ciò che madre natura ci ha donato!

Perché curiamo la dislessia come se fosse una malattia …

Forse perché dobbiamo essere tutti uguali?

I bambini si fidano degli adulti!

Lasciamo liberi i bambini di esprimere la loro vera natura.

La repressione porta all’odio, alla rabbia, alla violenza.

Sono fortemente convinto che rimpiangeremo quello che oggi noi adulti stiamo facendo ai bambini.

Noi adulti siamo degli essere inconsapevoli con la brama delle perfezione, e poi alla fine non ci accorgiamo di essere noi stessi incompleti e cerchiamo la perfezione nei nostri figli.

Un giorno le chiameremo torture!

Seguimi su Facebook alla pagina io e la dislessia

Alla prossima 

Benny Fera
Psicologo dislessico e autore

Annunci

Posted by Benny Fera

Psicologo dislessico e autore del libro bestseller "il bambino dimenticato". Si occupa di sensibilizzazione e formazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

One Comment

  1. Discriminazioni e stereotipi 😔 una tale tristezza …

    Rispondi

Rispondi