In arrivo il Talk show sulla dislessia

Per dare una nuova luce al mondo DSA

Non esiste solo un modo per imparare!

Dopo anni di formazione nelle scuole, ho capito che il miglior veicolo di apprendimento sono le emozioni.

“Andiamo via con una testimonianza che ci ha segnato”

Sono stati gli insengnanti stessi a dirmelo dopo ognuno dei miei convegni.

So per certo che ognuno di quei docenti porterà in classe una sensibilità diversa.

Anche come studente ho sempre sofferto dell’istruzione fredda, senza emozioni, non sono mai riuscito ad apprendere a scuola, questo succede ancora oggi alla maggior parte degli studenti.

Sono convinto che chiunque abbia a che fare con la crescita di un individuo, debba mettere tutto se stesso!

Come autore del libro autobiografico “il bambino dimenticato“, ho messo in campo la mia vita, senza vergogna e senza paura.

Davanti a migliaia di persone ha raccontato la mia sofferenza.

In tutti i convegni che ho fatto in giro per l’Italia ci ho messo il cuore.

Più volte alla fine dei dibattiti sulla dislessia mi hanno detto

“se qualcosa non ti va bene nella vita ricorda che puoi sempre fare l’attore, sei bravissimo!”

Questa frase, ripetuta a più riprese, mi è entrata nella testa, fino a quando ho maturato l’idea di unire la formazione con un contesto emozionale quale il teatro.

Diamo una svolta al mondo DSA.

Nasce il talk show sulla dislessia.

Oggi i DSA sono diventati una chiave per cambiare il modo di vedere la scuola e l’istruzione.

Vogliamo iniziare questa rivoluzione per far valere i nostri diritti a scuola e nella vita.

L’idea è quella di riconquistare il valore umano della dislessia.

Siamo stati umiliati, presi in giro, trattati come stupidi.

Ci hanno fatto credere di essere degli incapaci!

Nessuno ci hai mai spiegato e dimostrato quanto siamo creativi, sensibili e intuitivi.

Ti sei mai chiesto qual’è il ruolo dei dislessici in questa società?

Ti sei mai chiesto “come farà mio figlio un giorno“?

A volte siamo presi dallo sconforto e non sappiamo più come agire.

Questo è uno spettacolo a cui non puoi mancare per riconquistare la fiducia che hai perso.

Il bambino dimenticato presenta “sono dislessico e sono vivo” talk show.

Per vedere il lato prezioso della dislessia.

il primo tassello lo mettiamo a Bari, in teatro, a fine Gennaio

Se sei interessato a partecipare a questo evento, compila il modulo qui sotto ed avrai maggiori informazioni su data, orario e costi.

Alessia 18 anni ci racconta il suo percorso con la dislessia

i compagni hanno sempre visto solo le mie difficoltà, sono sempre stata etichettata inferiore, perché usavo calcolatrice e mappe concettuali.

Sono felicissimo di poter dare spazio ai giovani

Alessia mi ha contattato sulla pagina Facebook “Benny Fera – ioeladislessia.com” per raccontarmi la sua storia.

Sono felice perché Alessia, come tanti altri ragazzi, riconoscono in questo blog uno spazio in cui potersi raccontare senza sentirsi giudicati.

Uno spazio creato da chi la sofferenza e il disagio in classe l’ha conosciuto in prima persona e che oggi diventa una risorsa per molti.

Alessia scrive …

Continua a leggere “Alessia 18 anni ci racconta il suo percorso con la dislessia”

Scolarizzare i bambini del 2020!

Cerchiamo di capire il senso della scolarizzazione nel 2020, ha senso l’educazione che stiamo dando ai bambini?

Siamo quasi approdati nel 2020 e l’unica istituzione che si evolve troppo lentamente è la scuola.

La domanda di oggi è: “ha senso tenere i bambini in classe ad ingurgitare nozioni, quando la fuori il mondo corre alla velocità della luce?”

“esattamente a cosa stiamo preparando i bambini?”

Continua a leggere “Scolarizzare i bambini del 2020!”

Lo studente è stato educato a fare tutto non per sè, ma per compiacere l’insegnante

Vorrei che leggeste il paragrafo dedicato alla scuola che ho estrapolato dal libro “Le vostre zone erronee” di Wayne Dyer.

Un libro scritto nella prima edizione nel 77 dallo psicoterapeuta statunitense.

Quantomai attuale questo libro affronta uno dei temi fondamentali per la nostra crescita personale: la necessità di essere approvati.

Continua a leggere “Lo studente è stato educato a fare tutto non per sè, ma per compiacere l’insegnante”

“L’anno prossimo la rivolto come un calzino” disse l’insegnante

Testimonianza di una mamma terrorizzata dalle parole dell’insegnante.

Non molti giorni fa è venuta a colloquio da me una famiglia.

La richiesta era quella di dare “un’occhiata” alla propria figlia di 7 anni che si approccia alla seconda primaria.

Mi riferiscono lentezza nella lettura ed errori ricorrenti nella scrittura.

La prima cosa che mi ha colpito di questa bimba dagli occhi azzurri è stata la sua dolcezza la sua sensibilità.

Continua a leggere ““L’anno prossimo la rivolto come un calzino” disse l’insegnante”

Diagnosi DSA: più ne arrivano più la scuola fallisce la sua missione

Se la scuola fosse inclusiva, non ci sarebbe bisogno di certificazione per DSA

Oggi non posso fare a meno di mettere in risalto il commento di un’insegnante ricevuto su Facebook sotto un mio articolo.

Quando si parla di DSA a volte le soluzioni sono più facili di quello che si pensa.

Io adoro la semplicità, la chiarezza e l’onesta che questa insegnante ha mostrato nel suo commento.

Leggi sotto …

Continua a leggere “Diagnosi DSA: più ne arrivano più la scuola fallisce la sua missione”

Era il più ciuccio della scuola, adesso fa formazione per gli insegnanti

La testimonianza di un ragazzo che ritorna nelle scuole dopo tanti anni di sofferenza

La prima volta è stata una fortissima emozione.

Io, che da studente ero il più asino della classe, se non di tutta la scuola, mi ritrovavo a fare formazione sui DSA davanti a 200 insegnanti.

Ricordo esattamente cosa mi è successo quel giorno.

Mi si è svuotata la mente, balbettavo, mi tremavano le gambe … insomma avevo paura.

Quegli insegnanti li di fronte a me, non mi avevano mai fatto nulla di male, ma erano il simbolo di una figura che ha segnato la mia vita in maniera molto negativa.

Continua a leggere “Era il più ciuccio della scuola, adesso fa formazione per gli insegnanti”