DSA: il lato umano della solitudine

La spiccata sensibilità del dislessico richiede spesso momenti di pace interiore.

Il tema della solitudine è spesso legato alla Dislessia.

Molto dipende dagli insuccessi scolastici che portano il bambino a sentirsi inferiore agli altri.

C’è la tendenza ad evitare il confronto per la paura del giudizio

Durante i miei approfondimenti sui DSA, ho capito che non è solo questo il motivo per cui questi bambini si isolano.

Ci sono anche tratti di personalità che condizionano il comportamento.

Ricordo che i miei genitori erano spesso preoccupati per me che uscivo poco e avevo pochi amici.

Ho scoperto a 30 anni di essere dislessico e questo ha aperto le porte alla conoscenze del mio stile mentale.

Si chiama “personalità creativa”.

É tipico della personalità creativa avere una fervida immaginazione che fa a cazzotti con le lettere e i numeri.

Questo modo di essere comprende anche una estrema sensibilità.

La sensibilità deriva dal fatto che abbiamo una forte empatia e quindi ci immedesimiamo anche senza volerlo nel dolore degli altri.

La ricerca della solitudine per alcuni di noi è necessaria e addirittura ristorativa.

Passare troppo tempo nella confusione o ad ascoltare persone che hanno bisogno di aiuto mette in moto la mia empatia e quindi scatta in me la tendenza naturale a vivere quelle stesse emozioni.

Questa tendenza può essere nociva perché, per guardare al malessere agli altri dimentichiamo, noi stessi.

Spesso questo tipo di personalità si avvicina a compagnie affini alle loro caratteristiche e non disdegnano di tanto in tanto la vita modana.

Mi rivolgo a tutti quei genitori che sono preoccupati perché i figli hanno pochi amici, oppure escono poco.

Lasciate che i vostri figli scelgano chi frequentare.

Piuttosto che insistere, cercate di fagli capire che voi comprendete la sua sensibilità.

Ognuno di noi sa perfettamente cosa è giusto o sbagliato per se stesso perché lo sente nel profondo del cuore.

Per le persone sensibili stare sole è rigenerante e consente di esprimere al meglio la creatività.

Il periodico contatto con la nostra interiorità è la chiave per stare bene con noi stessi e di conseguenza anche con gli altri.

Se ti interessa conoscere tutta la testimonianza di un bambino dislessico clicca qui

Benny Fera
psicologo dislessico e autore

Qui sotto trovi la lista di tutti i libri di Benny.
Acquistali su Amazon cliccando sui link.

Il bambino dimenticato (autobiografico)

La scuola dei miei sogni

Benny fuori classe

Come vivere da dislessico

Dislessia: quale scuola?

Ti ho lasciato un bacio in stazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...