Ansia, attacchi di panico e pensieri ossessivi sono causati da uno scorretto modo di vedere noi stessi.

A volte diamo troppa importanza al giudizio degli altri, fino ad attaccarcelo addosso come un’etichetta.

Questa etichetta fornisce alla nostra mente pensieri negativi che ci fanno sentire inadeguati procurandoci ANSIA.

L’ansia nel tempo …. diventa PANICO.

Oggi vorrei raccontarvi la mia storia.

Un caso di una dislessia mai riconosciuta.

Insisto sulla parola OVVIO, perché come tra poco vi racconterò, non può essere altro che ovvio.

Partiamo dal principio:

La scuola elementare è stata difficile: difficoltà di lettura, di ortografia, di calcolo, ovviamente questa è solo la punta dell’iceberg, perché poi c’è la sensibilità della persona, cioè IO.

Ricordo perfettamente quella sensazione di confusione, era come un brutto sogno da cui non riuscivo a svegliarmi, in realtà era un incubo.

Mi chiedevo: “possibile che non ci capisco niente?”

….E penso che i miei genitori e gli insegnanti si chiedessero lo stesso

Dalla scuola elementare ha cominciato a prendere forma la mia personalità.

Ovviamente timido, insicuro, timoroso e arrabbiato col mondo. Diretta conseguenza dei risultati scolastici.

All’inizio della scuola media avevo la speranza di iniziare per il meglio… ma niente da fare, era la stessa storia, tante difficoltà.

Mi sembrava come se il mondo andasse più veloce di me ed io mi sentivo perennemente indietro.

A quel punto alle scuole superiori decisi di dare poco conto alla scuola e di dedicarmi alle relazioni sentimentali. Almeno quelle davano un po’ di respiro alla mia autostima.

Certo non sono mancate le difficoltà scolastiche, infatti sono stato anche bocciato un anno.

La bocciatura è stato davvero un brutto momento, mi ricordo che nella famiglia si fece buio.

A quel punto non mi restava che scegliere tra smettere di studiare (sarebbe stata la scelta saggia) e continuare a studiare (PAZZO).

Ovviamente io ho scelto di continuare a studiare.

Volevo dimostrare a me stesso e agli altri che ce l’avrei fatta.

In realtà volevo anche capire che tipo di problemi avessi studiando psicologia.

Diciamo che la scelta di continuare a studiare mi ha creato altri problemi.

Ovviamente, mi caricavo d’ansia prima degli esami, mi caricavo d’ansia prima di iniziare a studiare, fino a decidere che forse era meglio andare a ballare fino alle 6 di mattina piuttosto che studiare.

In pratica cercavo di scappare da una realtà che non era mia.

Le conseguenze sono ovvie: “attacchi di panico“.

Ad un certo punto il corpo e la mente si ribellano e ti dicono:

MA DOVE STAI ANDANDO?

Passai un brutto periodo di vero TERRORE.

  • paura di uscire di casa
  • paura di incontrare persone
  • paura di avere paura…

Mi curarono con i farmaci: “SCELTA PESSIMA”, perché non risolve il problema, ma semplicemente allevia i sintomi.

Dopo essere “guarito”, ritornai a studiare (pazzamente pazzo), però cominciai anche a lavorare.

Lavorare mi aiutò molto a credere in me stesso. Mi rendevo conto che ero molto capace.

Questa botta di autostima mi ha aiutato a laurearmi.

Ovviamente io consiglio a chi è dislessico, di continuare a studiare solo in funzione di una passione, altrimenti vi scavate una grande fossa.

Consiglio inoltre di non usare i farmaci per la cura degli attacchi di panico, per me è andata BENISSIMO la terapia cognitivo-comportamentale.

Ringrazio me stesso per aver deciso di combattere e non arrendermi.

Ringrazio la psicologia grazie alla quale ho capito che avevo solo sbagliato strada.

“Le conseguenze di una vita passata ad essere valutato male, ovviamente ti portano a valutarti male.”

“Si può cambiare, basta solo volerlo”

se vuoi conoscere tutta la mia storia, leggi la mia biografia Il bambino dimenticato .
_____________________________________
Benny Fera
psicologo e autore
Il Dott. Fera riceve a Bari su appuntamento CONTATTA 
Il Dott. Fera organizza eventi formativi sulla Dislessia
CONTATTA

Hai letto “il bambino dimenticato”? un libro autobiografico sulla dislessia molto letto e apprezzato dai genitori e campione di vendite, clicca qui per acquistarlo

Altri libri di Benny che potrebbero interessarti:

Benny Fuori Classe (storie di un bambino vivace genere umoristico)
Come vivere da dislessico (breve manuale sulla dislessia)
Dislessia: quale scuola (manuale sull’educazione parentale legale in italia)
Ti ho lasciato un bacio in stazione (un libro romantico love story)

Se preferisci la versione video puoi guardare il Video sulla dislessia

Metti mi piace alla pagina Facebook per restare aggiornato sui nuovi contenuti clicca qui 

Seguimi su Instagram per partecipare ai quiz nelle storie e nuovi contenuti di psicologia clicca qui

 

 

 

Annunci

Commenti Facebook

Posted by Benny Fera

Psicologo dislessico e autore del libro bestseller "il bambino dimenticato". Si occupa di sensibilizzazione e formazione sui Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

10 Comments

  1. Da insegnante posso dirti che prima di sedersi dietro ad una cattedra bisogna aver studiato,e non solo le materie che insegni ma soprattutto la pedagogia,psicologia e i vari problemi cognitivi o comportamentali che si incontrano nei bambini e nei ragazzi.Non puoi insegnare niente se prima non capisci e non aiuti chi hai davanti. Come dicevo anche alla nostra amica Sara quando insegnavo alle elementari mi é capitato qualche bambino che soffriva di dislessia:il problema più grande,in certi casi,é stato farlo capire ai genitori. Quando vedevo i bambini in difficoltà a leggere,scrivere o esprimersi li facevo disegnare. Io stessa disegnavo quello che spiegavo così capivano tutti e la lezione rimaneva più impressa anche agli altri. Finché i genitori capivano e si decidevano a far aiutare i figli.Anch’io sono contraria ai farmaci:i medici curano sempre il sintomo senza andare mai a fondo alla causa! Ansie e panico? Se non ne soffrissimo saremmo dei robot! Sono molto felice che tu ti sia superato e ritrovato un equilibrio sereno 😊

    Rispondi

    1. Il tuo stile di insegnamento è esattamente quello a cui io ambisco. Oggi per fortuna si riesce a fare qualcosa in più per questi bambini, rispetto ai tempi miei.Complimenti per il tuo lavoro, a presto 🙂

      Rispondi

    2. Bravissima 😍 ti stimo sempre più cara amica ❤️😘😘😘

      Rispondi

  2. Complimenti bellissimo articolo ☺️ rende perfettamente l’idea e… Visto che bravissima insegnante la mia amica Indianalakota? Io avrei tanto voluto un insegnante così e la vorrei anche per i miei figli 😍è specialissima ❤️

    Rispondi

    1. Essi! Le ho già fatto i complimenti 🙂
      Grazie Sara

      Rispondi

  3. Bellissima la frase finale, e complimenti per la forza dimostrata 🙂
    Ora stai meglio?

    Rispondi

    1. Si, va tutto molto meglio, sto scoprendo le mie vere potenzialità.
      Ho affrontato alcuni mesi di psicoterapia cognitivo comportamentale che mi ha cambiato la vita in meglio 🙂

      Rispondi

      1. Che consiste nel?

      2. Se ti va contattami in privato, posso spiegarti con calma

  4. Se ti va contattami in privato così posso spiegarti meglio 🙂 … Trovi il tasto contattami nel home page

    Rispondi

Rispondi